Calendario Escursioni

Visualizzazioni 10.460
Ago
4
Dom
Nel gruppo del Catinaccio
Ago 4 giorno intero

Domenica 04 agosto 2019
Rifugio Re Alberto I

Il rifugio Re Alberto I

La salita ai Rifugi Re Alberto e Passo Santner è un classico dell’escursionismo nel Gruppo del Catinaccio-Rosengarten, una meta obbligata per chi decide di visitare questa zona e si sente in grado di affrontare dei tratti su facili roccette, con l’assistenza di cordini metallici nei punti più impegnativi. Un’ atmosfera unica, fatta di silenzi, di pace, di albe e tramonti mozzafiato! Il Rifugio venne costruito nel lontano 1929 e ristrutturato più volte; accoglie alpinisti, escursionisti e veri appassionati da tutto il mondo, in un ambiente amichevole e familiare. E’ un punto d’incontro, un riparo dalle intemperie, ma anche un ottimo punto di ristoro con una cucina casalinga, che propone specialità sia della tradizione tirolese come il Kaiserschmarren e i canederli, sia di quella italiana come spaghetti e polenta. Tutto intorno dominano le dolomiti, dichiarate patrimonio dell’umanità da parte dell’Unesco. Questo strepitoso percorso consente di penetrare nel cuore del

Gruppo del Catinaccio scoprendo le vette più significative del massiccio come le Torri del Vajolet, il Catinaccio, Cima Vajolet, Punta Emma, Catinaccio d’Antermoia ed i Dirupi di Larsech.

DIFFICOLTA’: ITINERARIO ESCURSIONISTICO E + EE (un breve tratto)

TEMPO DI PERCORRENZA: 6 ore + le soste        DISLIVELLO: 800 m circa

Catinaccio d’Antermoia

INTERESSI: NATURALISTICI, GEOLOGICI, PANORAMICI         PARTENZA: Vigo di fassa      

NOTE: pranzo al sacco (facoltativo al Rifugio Re Alberto I)

EQUIPAGGIAMENTO: Calzature e bastoni da trekking, zaino con viveri e acqua, attrezzatura da alta montagna, giacca a vento, cuffia, guanti, occhiali da sole.

 

RITROVI: BRESCIA PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA BS CENTRO ORE 6:00

DESENZANO PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA A4 ORE 6:30

 Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 55
Ago
12
Lun
Trekking del Monviso
Ago 12–Ago 15 giorno intero
Il Re di Pietra

Dal 12 al 15 agosto 2019
Trekking di 4 giorni attorno al “Re di Pietra” Monviso

Entusiasmante trekking guidato di 4 giorni che domina, con vasti panorami, tre valli diverse (Po, Varaita, Guil) e consente di ammirare il Monviso in tutta la sua imponenza cogliendo gli aspetti più interessanti di una delle zone più belle delle

Stambecco al rifugio Giacoletti

Alpi Cozie. L’anello, con i suoi modesti dislivelli e le diverse prospettive sugli affascinanti profili del “Re di Pietra”, si presenta come uno dei più spettacolari trekking d’alta quota d’Europa. Ma è tutto il regno del Monviso che scorre davanti agli occhi dell’escursionista in un fantastico viaggio in cui al paesaggio aspro e severo delle ardite pareti rocciose del massiccio meridionale si alternano i laghetti cristallini dai riflessi verde-azzurro del Vallone delle Giargiatte, i contorti pini cembri del bosco dell’Allevé cui seguono gli splendidi specchi d’acqua dell’alta Valle Po.

Difficoltà : Escursionistica

Il rifugio Vallanta

Punti di ritrovo : PARK CASELLO AUTOSTRADA A4 BS CENTRO ORE 7:00

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: 250,00 €

ISCRIZIONI ENTRO il 31.07.19 con caparra di 50,00 €

scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

 

 

Rifugio Granero
Visualizzazioni 132
Ago
24
Sab
Sulle orme del bandito Zanzanù
Ago 24 giorno intero

Sabato 24 agosto Tignale ESCURSIONE NOTTURNA
Sulle orme del bandito Zanzanù

Scarponcini da trekking ai piedi e torcia in mano per percorrere passo dopo passo, con le suggestioni di una notte d’estate, i sentieri battuti dal bandito Zanzanù (1576-1617) durante il suo ultimo tentativo di fuga, prima di essere braccato e giustiziato dalla gente del posto.

Era il 17 agosto 1617 e anche quest’anno, in occasione dell’anniversario, il Comune di Tignale non perde l’occasione per fare memoria delle vicende legate alla figura leggendaria di Giovanni Beatrice, passato alla storia come il bandito Zanzanù. Operazione folcloristica e turistica, certo, ma anche un modo per riscoprire, sulla scorta dei saggi pubblicati dallo storico Claudio Povolo dell’Università Ca’ Foscari e degli spettacoli della compagnia teatrale L’Archibugio, la vera dimensione storica e umana del fuorilegge che per più di quindici anni tenne in scacco la Repubblica di Venezia.

A chiudere il calendario di eventi dedicati al bandito sarà, sabato 24, la passeggiata «Sulle orme di Zanzanù», una camminata guidata con letture sceniche a cura di Giovanni Florio, attore e regista de L’Archibugio, con tanto di aperitivo nel bosco.

Il ritrovo è fissato alle 19 al piazzale delle Ginestre (partecipazione 5 euro; prenotazione obbligatoria all’Ufficio del Turismo: 0365.73354 o info@tignale.org). Si percorreranno i sentieri dipinti nel maestoso ex-voto raffigurante l’uccisione del bandito, che nel 1618 fu commissionato dalla comunità di Tignale al pittore Giovanni Andrea Bertanza e che oggi è conservato nel Santuario di Montecastello. Straordinariamente dettagliato, il dipinto ha rappresentato una fonte preziosa per l’individuazione dei luoghi della battaglia del 17 agosto 1617. All’opera di Bertanza si deve, in particolare, l’individuazione di quello che è ritenuto il luogo esatto dell’uccisione del bandito, che sarà la tappa principale della passeggiata, agevole e adatta a tutti. Gli organizzatori richiedono abiti comodi, scarpe da trekking, torcia e acqua.

 

Visualizzazioni 9
Ago
25
Dom
Dolomiti bellunesi
Ago 25 giorno intero

Domenica 25 agosto 2019

Cima Setsas 2.571 m

salita verso cima Setsas

Suggestivo giro ad anello attorno al Monte Setsas, che vanta di essere in una posizione tra le più panoramiche di tutte le Dolomiti, per tutta la durata dell’itinerario e, soprattutto, al raggiungimento dell’omonima cima, nel quale ci offre la possibilità di una favolosa e piena veduta di parecchi gruppi montuosi ben conosciuti. L’escursione ai Setsas, con la salita alla cima principale e il periplo completo del piccolo gruppo dolomitico, è senz’altro una delle più appaganti delle Dolomiti. Il percorso non è difficile, non vi sono salite ripide o impegnative, tuttavia sono numerosi i saliscendi e i cambi di ritmo, come estremamente varie le situazioni ambientali. Culmine dell’escursione è cima Setsas, semplicemente un luogo meraviglioso, al centro della regione dolomitica, offre una visione straordinaria, dall’alto dei suoi 2.571 metri, su buona parte delle Dolomiti e

Il lago di Valparola

importanti vallate. I due versanti del gruppo offrono caratteristiche e suggestioni ben diverse, naturalmente estremamente influenzate dalle condizioni climatiche del giorno. Verso nord le balze rocciose danno impressioni di austerità e desolazione, tuttavia mitigata dalle splendide e ridenti visioni di famosi gruppi dolomitici. A sud la luce è sempre accecante per il riflesso delle chiare e verticali pareti di dolomia, l’ambiente è apparentemente ridente, con vallette prative digradanti, in particolare quella verso Federe e il castello di Andraz, ma come contrappeso è devastato da grandiosi macereti di enormi massi di frana.

ITINERARIO ESCURSIONISTICO E + EE (un breve tratto)

Ultimi metri verso la cima

TEMPO DI PERCORRENZA: 6 ore + le soste    DISLIVELLO: 700 m circa

INTERESSI: NATURALISTICI, GEOLOGICI, PANORAMICI

PARTENZA: Passo Valparola          NOTE: pranzo al sacco                       

RITROVI: BRESCIA PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA BS CENTRO

ORE 5:30

DESENZANO PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA A4 ORE 6:00

 

 Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 56
Set
1
Dom
CAPANNA EUROPA 2000
Set 1 giorno intero

Domenica 01 settembre Capanna Europa 2000 (e sentiero dei fiori)

Rifugio Capanna 2000

Escursione gratuita, organizzata dal Collegio Guide Alpine Lombardia in collaborazione con Regione Lombardia nell’ambito promozione della Montagna e delle sue professioni. Meta è il rifugio Capanna 2000 che è situato sul versante sud del Pizzo Arera, la sua posizione soleggiata e panoramica lo rende una meta privilegiata per escursioni di interesse naturalistico e paesaggistico. E’ raggiungibile attraverso un sentiero che in meno di un’ora porta al rifugio, oppure si segue la carrabile, che con un giro più ampio, sale più dolcemente. Dal rifugio è possibile percorre in aggiunta il “Sentiero dei Fiori”, una facile escursione naturalistica ad anello, che offre al visitatore in circa tre ore di cammino, un’innumerevole varietà di fiori endemici, di cui alcuni anche rari.

 

Lago lungo la salita

Quota massima: 2.400 m   Difficoltà: E percorso escursionistico)            Tempo: 4 ore + le soste (solo per rifugio) Dislivello: 400 m per rifugio + 450 m per Sentiero dei Fiori

Punto di partenza: fine strada poco dopo località Plassa                          Interessi: PANORAMICO, NATURALISTICO

Ritrovo: ore 09:30 presso posteggio in via Fezzoli di Zambla Alta (in auto seguire la Valseriana fino a Ponte Nossa quindi prendere a sx SP46 fino a Zambla Alta

RITROVO2: PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA A4 BSCENTRO ORE 7:30

Note varie: PRANZO AL SACCO (possibilità di pranzo in rifugio a prezzo convenzionato)

Equipaggiamento: normale da escursionismo di media montagna – consigliati i bastoncini da trek

Le iscrizioni si effettuano direttamente sul sito del Collegio Guide Alpine Lombardia al seguente link https://www.guidealpine.lombardia.it/2019/05/07/promo-2019-escursioni/

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 80
Set
15
Dom
Cima Colbricon
Set 15 giorno intero

Domenica 15 settembre 2019

Nel Gruppo delle Pale di S. Martino: cima Colbricon 2.602 m 

Cima e lago Colbricon

L’itinerario si svolge in un contesto ambientale molto suggestivo con estesi panorami su Lagorai, Pale di San Martino e Catena di Cima Bocche. Il Colbricòn è una montagna a due punte contesa durante gli eventi bellici del 1916. Tale monte è il primo grande rilievo della lineare barriera del Lagorài: lungo l’intero percorso si possono scorgere resti di trincee, barricamenti, pezzi di filo spinato, barattoli, piccoli grotte belliche e appostamenti sui pendii della montagna. Al Rifugio Laghi del Colbricòn sono state trovate tracce dei cacciatori mesolitici. Gli omonimi laghetti sono verdi perle incastonate in gioielli di roccia e sono molto rilassanti. Sempre ottima la vista sulle Pale di San Martino

ITINERARIO ESCURSIONISTICO E + EE (un breve tratto)  DISLIVELLO: 800 m

Rifugio e lago Colbricon

TEMPO DI PERCORRENZA: 7 ore + le soste       PARTENZA: Malga Rolle      NOTE: pranzo al sacco (facoltativo al Rifugio Laghi di Colbricon)

INTERESSI: NATURALISTICI, GEOLOGICI, PANORAMICI

EQUIPAGGIAMENTO: Calzature e bastoni da trekking, zaino con viveri e acqua, attrezzatura da alta montagna, giacca a vento, cuffia, guanti, occhiali da sole.

RITROVI: BRESCIA PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA BS CENTRO

ORE 5:30

Colbricon

DESENZANO PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA A4 ORE 6:00

 

 Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 85
Set
29
Dom
Piz Tri
Set 29 giorno intero

Domenica 29 settembre 2019

Il Piz Tri  2.308 m (Gruppo Alpi Orobie) 

I laghetti del Piz Tri

Il Piz Tri, sotto la cui vetta transita il percorso della famosa sky marathon denominata “sentiero 4 luglio”, è un isolato massiccio delle Orobie, raggiungibile dall’Alta Valcamonica. Montagna molto suggestiva e poco conosciuta, frequentata soprattutto da scialpinisti nella stagione invernale, offre spettacolari panorami anche in autunno, dove i colori dei boschi di larice, in alto e i faggi, più in basso, sono stupendi. Il sentiero non presenta particolari difficoltà, pur restando una cima non adatta ai neofiti a causa del dislivello da effettuare. Graziosi sono gli omonimi laghetti posti a quota 1.900 m circa e la vista dalla cima, sulla quale sono posizionate una scultura ed una piccola croce di vetta, è magnifica: la Concarena, le prealpi bresciane, il gruppo dell’Adamello con le cime del Blumone, del Badile e del Re di Castello, il gruppo del Baitone, le cime del gruppo Ortles-Cevedale, i ghiacciai del Bernina. Ritorno dallo stesso sentiero

ITINERARIO ESCURSIONISTICO

Il Bernina visto dal Piz Tri

TEMPO DI PERCORRENZA: 6 ore + le soste             INTERESSI: NATURALISTICI, GEOLOGICI, PANORAMICI       

DISLIVELLO: 1.150 m                                                 PARTENZA: Loritto 1.150 m

NOTE: pranzo al sacco                                               EQUIPAGGIAMENTO: Calzature e bastoni da trekking, zaino con viveri e acqua, attrezzatura da alta montagna, giacca a vento, cuffia, guanti, occhiali da sole.

RITROVI: BRESCIA PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA BS CENTRO ORE 7:00

 Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 5