Calendario Escursioni

Visualizzazioni 7.017
Lug
15
dom
Nel gruppo delle Pale di S. Martino
Lug 15 giorno intero

Domenica 15 luglio 2018
Il Monte Mulaz 2.906 m

La cima del Monte Mulaz

Escursione ad anello, poco frequentata benché sia uno dei percorsi più affascinanti delle intere Dolomiti, nel settore centrale del gruppo delle Pale di S. Martino, che ci condurrà sull’imponente Monte Mulaz. Mulaz che risulta tozzo nelle sue forme, ma imponente nelle sue pareti e nell’altitudine. Verso est rivolge pendii franosi piuttosto innocui alla vista, mentre verso ovest precipita con alte pareti ad esclusivo uso degli alpinisti. La sua salita, per la via normale, è tra le più semplici del gruppo, perché non oppone difficoltà tecniche anche se in alcuni punti richiede piede fermo e attenzione. La salita regala una delle visioni più straordinarie delle Dolomiti, dal migliore punto di vista possibile: si potranno ammirare le crode che s’innalzano intorno al

Lungo il sentiero

Passo delle Farangole e ci si potrà estasiare davanti alle vette arditissime del sottogruppo del Focobon: il massimo! Da non sottovalutare La varietà di piante presenti lungo questo itinerario è un qualcosa che non può non destare meraviglia. Particolarmente rilevante appare la presenza di entità endemiche ad areale particolarmente ristretto, che hanno scelto le rupi dolomitiche come habitat, nonostante le estreme condizioni climatiche presenti sulle rocce e sui detriti alla base delle pareti. Il percorso richiede un po’ di attenzione soltanto nel tratto dal Rifugio Volpi (2.560 m – possibilità di sosta pranzo al rientro dalla cima e di attesa per chi non si sente di effettuare la cima).

ITINERARIO ESCURSIONISTICO E (EE per il breve tratto prima della cima)

TEMPO DI PERCORRENZA: 7 ore + le soste      INTERESSI: NATURALISTICI, GEOLOGICI, PANORAMICI

DISLIVELLO: 1.150 m                                                 PARTENZA: Passo di Valles 2.031 m

RITROVI: BRESCIA PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA BS CENTRO ORE 6:30

DESENZANO PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA A4 ORE 7:00

DALLA QUOTA SONO ESCLUSI I COSTI DI TRASPORTO E DEL PARCHEGGIO AUTO

Il Rifugio Mulaz

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 29
Lug
21
sab
2 giorni nel gruppo dell’Ortles – Cevedale
Lug 21–Lug 22 giorno intero

Sabato 21 e Domenica 22 luglio 2018
Cima Collecchio 2.958 m

La vetta della Cima Collecchio

Appassionante tour ad anello di due giorni al cospetto dell’elegante piramide del Gioveretto, che segna il confine nord-est nel gruppo del Cevedale. Alla testata della Val d’Ultimo si aprono numerose vie di salita, alcune più difficili, altre più accessibili. Una di queste è proprio l’escursione al Monte Collecchio (2.958 m) che, tra boschi di larici, alpeggi, laghi glaciali incastonati nella roccia come pietre preziose, vaste praterie alpine e aree rocciose simili ad un paesaggio lunare, ci permetterà di sfiorare i 3.000 m, regalandoci magnifiche vedute a 360° sul resto del gruppo Ortles-Cevedale e sul massiccio del Brenta. Il 1° giorno dopo aver visitato il parco dei larici millenari nei pressi di Santa Gertrude, su un facile sentiero, in un ridente bosco di larici, con un ultimo strappo a zig-zag, raggiungeremo al Rifugio Canziani situato a quota 2.560 m nei pressi del magnifico Lago Verde. Da qui, prima di cena, potremo proseguire verso la Vedretta Fontana Bianca al cospetto del Gioveretto. Il 2° giorno, dal rifugio,

Larici millenari

ci dirigeremo verso il Lago Lungo e saliremo prima al Giogo Nero 2.822 m e da qui, con un tratto ripido, ma non pericoloso, fino la cima del Collecchio (2.957 m): il panorama si apre immenso su tutto il gruppo. In discesa raggiungeremo il gruppo dei laghi del Corvo e il rifugio Stella Alpina per una meritata pausa prima di salire al giogo di Montechiesa e chiudere il magnifico anello nel Parco Nazionale dello Stelvio.

PUNTO DI PARTENZA:Lago Fontana Bianca 1.880 m
DISLIVELLO:1° giorno 800 m – 2° giorno 950
DIFFICOLTA’: E (escursionistico) + EE (brevi tratti)
T PERCORRENZA: 1° giorno 5 ore – 2° giorno 8 ore
NOTE VARIE: Pernottamento al rifugio Canziani

 

RITROVI: PARCHEGGIO CASELLO A4 BS CENTRO ORE 7:00

PARCHEGGIO CASELLO A4 DESENZANO ORE 7:30

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: 110,00 € (compresa ½ pensione in rifugio)

Il lago Nero

(95,00 € PER I SOCI GARDACANYON)

CON CAPARRA DI 50,00 € ENTRO IL 20 LUGLIO 2018

MINIMO 6 MASSIMO 12 PARTECIPANTI

DALLA QUOTA SONO ESCLUSI I COSTI DI TRASPORTO, EVENTUALI PARCHEGGI AUTO e GLI EXTRA AL RIFUGIO

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 13
Ago
12
dom
Il Parco Nazionale del Gran Paradiso
Ago 12–Ago 15 giorno intero
    Il rifugio benevolo e, sullo sfondo, il Gran Paradiso

Dal 12 al 15 agosto 2018
Trekking nel Parco Nazionale del Gran Paradiso (SOLD OUT)

Trekking da non perdere: un’avventura in alta montagna, un percorso ad anello tra natura, storia e tradizione con panorami mozzafiato sui grandi ghiacciai, nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, istituito nel 1922, che si estende fra le valli valdostane di Cogne, Valsavarenche e Rhêmes. Il Parco ospita attualmente 2.600 stambecchi, quasi 10.000 camosci e una ventina di coppie di aquile reali. I diversi ambienti del parco proteggono numerose altre specie animali: lupo, lince, volpe, marmotta, ermellino, scoiattolo, ecc. Decine le specie di uccelli, tra cui la pernice bianca, il gallo forcello, il gracchio alpino, il picchio muraiolo. Sono presenti anche diversi rettili, anfibi e numerosissimi invertebrati. Ancor più della presenza dei grandi ungulati, è importante il contributo del Parco per la salvaguardia di un vasto ecosistema, composto da numerosi habitat, che ha permesso la conservazione della ricca biodiversità in esso racchiusa.

Difficoltà : Escursionistica

Punti di ritrovo : PARK AUTOSTRADA A4 BS CENTRO ORE 8:00

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: 250,00 €

ISCRIZIONI ENTRO il 31.07.18 con caparra di 100,00 €

POSTI ESAURITI – ISCRIZIONI CHIUSE

scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 107
Nov
1
gio
Trekking nel Parco Nazionale delle foreste Casentinesi
Nov 1–Nov 3 giorno intero

Da giovedì 01 a sabato 03 novembre 2018
La millenaria foresta di Camaldoli

Il sacro eremo di Camaldoli

Spettacolare e potente trekking ad anello nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi del Monte Falterona e Campigna attraverso fantastici boschi di faggio e abete bianco dove sono frequenti gli incontro con daini, cervi e caprioli. Non manca il lupo che qui convive ormai da decenni inserito in un ambiente a lui congeniale. Un percorso ad anello che si sviluppa attorno alla foresta di Camaldoli, foresta legata alla storia millenaria dell’eremo fondato da S. Romualdo nell’XI secolo e dell’omonimo monastero. Tra Badia Prataglia e il Sacro eremo, imperdibile salita al Monte Penna, una delle più belle terrazze panoramiche sulla Romagna e sulla foresta della Lama. Avremo modo

 

di ammirare paesaggi incantevoli, boschi secolari, borghi antichi, sentieri partigiani, intrisi di storia e tradizioni. Un cammino, anche interiore, fatto di riflessione, che appagherà dal punto di vista panoramico sportivo e storico, senza tralasciare la possibilità di assaporare squisiti piatti tipici toscani a base di cinghiale e funghi e di condividere con il gruppo magiche emozioni.

Difficoltà : Escursionistica

Punti di ritrovo : PARK AUTOSTRADA A4 BS CENTRO ORE 6:00

Il borgo di Lierna

IL TREK SI EFFETTUA CON ALMENO 6 PARTECIPANTI

ISCRIZIONI ENTRO VENERDI’ 05 ottobre 2018 con caparra di 50,00 €

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

 

 

 

Panorama da Badia Prataglia
Verso Lierna

 

 

 

Visualizzazioni 33
Nov
3
sab
Trekking in Perù
Nov 3–Nov 23 giorno intero

Da sabato 03 a venerdì 23 novembre 2018

Nel magico mondo di Coquequirao e Machu Picchu

Alberi sul sentiero del trekking

Sensazionale trekking nel quale sarà possibile ripercorrere le gesta e la storia degli Inca, ammirando panoramici unici di Machu Picchu e delle alte vette delle Ande, attraverso la giungla dietro l’antica “Città Perduta degli Inca”. Scopriremo territori selvaggi, tra i laghi e le montagne che precedono Machu Picchu. Choquequirao invece domina l’impressionante canyon del rio Apurimac di quasi 1.000 m di profondità e riceve molti meno turisti della sorella, ma le sue rovine sono altrettanto interessanti.  A differenza di Machu Picchu, non è possibile visitare Choquequirao in treno o in bus. Il solo modo di visitarla è quello di intraprendere un trekking di almeno due giorni partendo da Cuzco. Questa vacanza è l’ideale per chi ha voglia di spingersi oltre i sentieri turistici, ma senza perdere la possibilità di immergersi nelle mitiche rovine della “Città Perduta degli Inca”.

Muli all’arrivo al campo (sullo sfondo il canyon dell’Apurimac),

Un trekking lungo i sentieri percorsi da un’antica civiltà vissuta tra le vette delle Ande, fermandosi per gli accampamenti sotto uno splendido cielo stellato.

SI EFFETTUA AL RAGGIUNGIMENTO DI ALMENO 10 PARTECIPANTI

QUOTA PARTECIPAZIONE: 4.000 € (3.500 € CON RIENTRO IL 18.11.18) –  ISCRIZIONI ENTRO LUGLIO 2018

 

 

Parapendio in volo sulla spiaggia di Paracas

(CON CAPARRA DI 500 € – SALDO ALLA CONFERMA DEI VOLI AEREI)

CLICCA QUI PER IL PROGRAMMA COMPLETO: PROGRAMMA COMPLETO ->

CLICCA QUI PER ULTERIORI DETTAGLI: DETTAGLI ULTERIORI ->

CLICCA QUI PER SCARICARE LA LOCANDINA: locandina ->

Il volo aereo è organizzato con AGENZIA TURISTICA PREALPIVIAGGI – GATTINORI – Agenzia della E. B. Tours di Bruno Raja SEDE OPERATIVA: Via Roma 28/E – CASTRONNO (VA) – Tel. 0332 892116 – Fax 0332 895633 – email: castronno@gmdv.it
Visualizzazioni 28