Calendario Escursioni

Visualizzazioni 13.080
Nov
1
Ven
Trekking San Benedetto
Nov 1–Nov 3 giorno intero

Da venerdì 01 a domenica 03 novembre 2019
Il cammino di San Benedetto

Il Cammino di San Benedetto è un percorso di 310 chilometri, suddiviso in 16 tappe, da Norcia, alle propaggini dei Monti Sibillini, a Subiaco, nell’alta valle dell’Aniene, fino a Cassino, nella valle del Liri, attraversando i luoghi più significativi della vita di san Benedetto da Norcia. 16 tappe attraverso sentieri, carrarecce, e strade a basso traffico, percorrendo valli e monti delle splendide Umbria e Lazio. Noi effettueremo le prime 3 tappe a piedi, per altrettanti giorni di Cammino, toccando pochissimo asfalto. Oltre ad avere l’opportunità di visitare alcuni tra i più importanti monasteri benedettini d’Italia, si toccheranno località che hanno ospitato santi come santa Rita da Cascia e san Francesco d’Assisi. Ogni tappa sarà una piacevole scoperta. Con la lentezza permessa dal viaggiare a piedi, si scoprirà il cuore di un’Italia bellissima e sconosciuta e si potrà anche vivere un’intensa esperienza spirituale. Il trekking è alla portata di tutti, anche se in qualche tratto un po’ di esperienza nell’andare per monti non guasta. La prima tappa del Cammino non presenta particolari difficoltà. Dopo il piacevole attraversamento del Piano di Santa Scolastica, si valicano i monti che separano Norcia da Cascia, con salita graduale e pochi veri strappi; raggiunta quota 1.000 metri il resto è praticamente tutta discesa. La seconda tappa è paesaggisticamente molto bella. Da Cascia si percorre il Sentiero di Santa Rita, un magnifico percorso in mezzo ai boschi, in parte scavato nella roccia, che risale un tratto del fiume Corno. Giunti a Roccaporena, sarà d’obbligo visitare i luoghi della santa, e compiere una breve ascesa al Sacro Scoglio. Si segue quindi una bella carrareccia in quota; infine, attraverso un paesaggio agreste di rara bellezza, si raggiunge il suggestivo paese medievale di Monteleone di Spoleto. Per l’ultima tappa si attraversano piccoli paesi e frazioni agresti, incrociando meravigliosi pascoli con mucche e cavalli allo stato semilibero, in un percorso altamente panoramico che si sviluppa avendo sempre di fronte i monti Reatini. Se il tempo e le energie lo consentiranno, si potrà valutare insieme di prolungare il percorso verso Poggio Bustone.

Difficoltà : Escursionistica

Punti di ritrovo : PARK AUTOSTRADA A4 BS CENTRO ORE 4:00

IL TREK SI EFFETTUA CON ALMENO 10 PARTECIPANTI

ISCRIZIONI ENTRO IL 15 ottobre 2019 con caparra di 50,00 €

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

 

 

 

 

 

 

Visualizzazioni 22
Nov
10
Dom
Festa d’autunno
Nov 10 giorno intero

Domenica 10 novembre 2019

Festa d’autunno in Val Degagna

Santuario Madonna di Roane

Per festeggiare insieme la chiusura del calendario escursionistico 2019, abbiamo programmato un’uscita adatta a tutti, in un ambiente altamente suggestivo, seguendo antiche vie di comunicazione, attraverso vecchi pascoli e maestosi boschi, che in autunno mostrano la tavolozza di tutti i loro caldi colori.  Inizieremo la nostra escursione dal caratteristico villaggio di Eno, per poi seguire una piacevole stradina fino alla località la Motta e, da qui, percorrendo le oramai esili tracce di un’antica mulattiera, raggiungeremo il passo Cavallino della Fobbia e, in breve, la locanda Perlonc, ove ci attenderà un prelibato pranzo a base di piatti tipici della cucina locale. Terminato il pranzo partiremo alla volta del piccolo santuario della Madonna di Roane, posto in posizione dominante sull’alta Val Degagna.  Con percorso a mezzacosta raggiungeremo poi la località “il Santellone”, dalla quale seguendo l’antica mulattiera che collegava Eno con Treviso (oramai divenuta sentiero), torneremo al piccolo villaggio di Eno.

 ITINERARIO ESCURSIONISTICO ADATTO A TUTTI

 

PARTENZA: Eno (BS)     DISLIVELLO: 470 m      TEMPO DI PERCORRENZA: 4/5 ore

INTERESSI: ANTROPICO, NATURALISTICO, STORICO

NOTE VARIE: PORTARE PILA (ALLE ORE 16:00 NEL BOSCO C’E’ BUIO!)

EQUIPAGGIAMENTO: DA ESCURSIONISMO (ZAINO, SCARPONI O PEDULE DA ESCURSIONISMO, BASTONI DA TREKKING, GIACCA A VENTO, GIACCA IN PILE)      

 Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 33
Dic
21
Sab
AUGURI DI NATALE @ bar angolo 23
Dic 21 giorno intero

Sabato 21 dicembre 2019 (ore 20:15)

IL 2019 STA VOLGENDO AL TERMINE

SABATO 21 DICEMBRE ALLE ORE 20:15

I SIMPATIZZANTI ED AMICI

DI GARDACANYON SI TROVANO

AL BAR ANGOLO 23 DI NOZZA DI VESTONE

PER SCAMBIARSI GLI AUGURI

VI ASPETTIAMO

Apericena e proiezione delle immagini del 2019

E’ RICHIESTA CORTESE CONFERMA

ai numeri 3484452357 nicola o 3388328830 paola

Visualizzazioni 91
Gen
5
Dom
Ciaspolata con lo chef
Gen 5 giorno intero

Domenica 05 gennaio 2020
Escursione invernale e pranzo al Rifugio Malga Corva a Cima Rest

Verso Malga Tombea

Un’abbinata da non perdere: meravigliosa escursione con le ciaspole nella magica Valvestino dove scopriremo insieme l’ambiente invernale, unendo il piacere di camminare in sicurezza sul soffice e candido manto nevoso, ad un succulento e sfizioso pranzo, preparato da uno chef di tutto rispetto, che ci farà degustare le sue rinomate prelibatezze. L’escursione, adatta a tutti, durerà circa 4 ore (dislivello salita 600 m). Il pranzo, presso il rifugio Malga Corva, immerso in una splendida faggeta secolare, si terrà al termine dell’escursione (orientativamente verso le ore 13:30). Concluso il pranzo, in 10 minuti, si torna alle auto per fare rientro a casa, previsto per le ore 18.

Dirige l’escursione la Guida Alpina Paolo Preti.

La faggeta e al centro, il Rifugio Malga Corva
MINIMO 20 partecipanti.         Ulteriori dettagli alla conferma iscrizione
RITROVI: BRESCIA PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA BS CENTRO ORE 7:00
VESTONE BAR ANGOLO23 ORE 7:30
POSSIBILITA’ DI NOLEGGIO CIASPOLE (5,00 € / PERSONA)
Le guide si riservano di modificare la meta, in base alle condizioni meteo e di innevamento
QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: 35,00 €  (CON CAPARRA DI 10,00 € ENTRO IL
02 GENNAIO 2020) SONO ESCLUSI I COSTI DI TRASPORTO
EQUIPAGGIAMENTO DA ESCURSIONISMO INVERNALE: CIASPOLE, BASTONI DA TREKKING, ZAINO, GIACCA A VENTO, GIACCA IN PILE, GHETTE, SCARPONI, GUANTI, COPRICAPO OCCHIALI DA SOLE
Sentiero Antonioli in veste invernale

Clicca qui per il menù e ulteriori info ->

 

 
Visualizzazioni 253
Mag
24
Dom
Il sentiero delle peonie sul Monte Denervo
Mag 24 giorno intero

Domenica 24 maggio 2020
Il sentiero delle peonie sul Monte Denervo

Tramonto sul Denervo

Facile escursione ad anello molto interessante per le favolose fioriture della Peonia selvatica (Paeonia officinalis) e per le magnifiche vedute panoramiche sul lago di Garda e la Valvestino dalla cima del monte Denervo e lungo tutta la dorsale che scende verso il monte Comer. Partendo dal villaggio fantasma di Boldis (957 m), inizieremo a camminare in un magnifico bosco misto, che poi si trasformerà in una faggeta con esemplari ultracentenari giganteschi, che si sviluppano ai margini della cresta, che con le loro forme, i colori e le radici intricate ci proiettano in un magico mondo immaginario, popolato da gnomi e folletti, fino a circondare le malghe ormai abbandonate. Camminando nei prati di malga Premaur saremo stupiti dalle diffuse fioriture del bianco Asfodelo e, più in alto, dalle tinte accese

Malga Denervo

delle peonie, che ci accompagneranno fino alla cima. Quest’ultimo tratto sarà l’unico da percorrere con un minimo di attenzione, in quanto affiorano dal terreno le bianche rocce calcaree lavorate dall’azione dell’acqua, che rendono meno agevole il nostro cammino. Al rientro, dopo aver visitato una pozza in cui si stanno trasformando migliaia di girini e ammirato i faggi secolari di malga Denervo, scenderemo dal versante opposto in un’altra spettacolare faggeta, fino a chiudere l’anello.

Località di partenza: località Boldis di Piovere

Tempo: 5 ore + le soste – Dislivello in salita: 550 m
Difficoltà : Escursionistica

Nel rispetto dell’ordinanza della Regione Lombardia per l’emergenza sanitaria in atto, come professionisti della montagna, effettueremo l’escursione a numero chiuso. Affrettarsi quindi con le iscrizioni.

RITROVO: ORE 7:30 CAFFE’ VALENTINO GARDESANA DI SALO’

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 671
Mag
31
Dom
Tour di cima Meghè e cima Baremone
Mag 31 giorno intero

Domenica 31 maggio 2020
Tour di cima Meghè e cima Baremone

Con questa escursione, Gardacanyon vi condurrà nel regno del Gallo forcello, transitando in una delle foreste demaniali più caratteristiche e meglio conservate della nostra regione. Ma non solo: avremo la possibilità di ripercorrere tratti di vecchi percorsi militari e di ammirare i resti di forti che risalgono al periodo della Prima Guerra Mondiale. Partendo dal Passo Baremone (1421 m.), saliremo lungo la stradina militare fino a raggiungere i resti del forte di Cima Ora, costruzione

imponente anche se pesantemente deteriorata dall’azione dagli agenti atmosferici, per poi spostarci sotto la rocciosa cresta della Corna Pagana ed entrare nella Valle Lunga, transitando dal Casinello di Baremone, posto in una conca pianeggiante adibita a pascolo e ricca di fioriture. Dopo aver aggirato il Monte Baremone (1776 m), percorreremo un tratto della suggestiva strada militare, costruita lungo pendii impervi e per un lungo tratto in gallerie ricavate all’interno della montagna, fino a raggiungere un sentiero che ci farà salire sulla Cima Meghè. La fatica sarà ripagata dallo splendido panorama a 360°sui monti che circondano il lago d’Idro.

Località di partenza: Passo Baremone

Tempo: 5 ore + le soste – Dislivello in salita: 600 m
Difficoltà : Escursionistica

Nel rispetto dell’ordinanza della Regione Lombardia per l’emergenza sanitaria in atto, come professionisti della montagna, effettueremo l’escursione a numero chiuso. Affrettarsi quindi con le iscrizioni.

RITROVO: ORE 7:30 BRESCIA CASELLO A4

ORE 8:15 BAR ANGOLO 23 NOZZA DI VESTONE

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 29
Giu
2
Mar
Le creste di cima Tuflungo
Giu 2 giorno intero

Martedì 02 giugno 2020
Le creste di cima Tuflungo

Entusiasmante tour ad anello, sulle creste di Cima Tuflungo, che permette tra l’altro la visita a numerosi resti della Grande Guerra, percorrendo la vecchia strada militare (vietata al traffico). Sulla cima, meta dell’escursione, raggiunta attraverso il Passo Gatòn al confine trentino, sorgono i resti d’un fortino. E si ammira un fantastico panorama a 360 gradi: Corno della Marogna, Monte Tremalzo,

Blumone, Re di Castello, Carè Alto, Presanella, Cadria, Dolomiti di Brenta, Lago di Ledro, Baldo, senza dimenticare il lago di Garda. Vi guideremo attraverso la storia ed i racconti dei soldati, immersi negli splendidi panorami del Parco dell’Alto Garda bresciano lungo la linea del fronte italiano. Alla scoperta di trincee, rifugi in caverna, baraccamenti, postazioni di artiglieria, casematte, lungo sentieri, mulattiere e audaci strade militari che a cent’anni dal conflitto, presidiano ancora i territori circostanti.

Località di partenza: Passo Nota a Tremosine

Tempo: 5 ore + le soste – Dislivello in salita: 600 m
Difficoltà : Escursionistica

Nel rispetto dell’ordinanza della Regione Lombardia per l’emergenza sanitaria in atto, come professionisti della montagna, effettueremo l’escursione a numero chiuso. Affrettarsi quindi con le iscrizioni.

RITROVO: ORE 7:30 CAFFE’ VALENTINO GARDESANA DI SALO’

Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 40
Giu
7
Dom
Il sentiero delle streghe
Giu 7 giorno intero

Domenica 07 giugno 2020
Il sentiero delle streghe nel parco dell’Alto Garda Bresciano

Bellissima e panoramica escursione ad anello che ci consentirà di esplorare l’entroterra di Tignale e di Tremosine, seguendo le tracce delle streghe che, secondo le tradizioni popolari, si riunivano nei luoghi difficilmente accessibili e più lontani dai centri abitati, per dedicarsi a riti magici. Attraverseremo la forra scavata dal torrente S. Michele per poi risalire tra vigneti e uliveti verso alcuni dei borghi che formano il comune di Tremosine. Ammireremo le splendide fioriture stagionali, i panorami del Monte Baldo, e sul lago di Garda. Dopo aver camminato sulla Bassa Via del Garda, percorreremo i sentieri scavati sui due fianchi delle pareti rocciose che racchiudono il torrente San Michele, prima in discesa e poi in salita, con una breve deviazione a Campione, magari per un tuffo nel lago (ricordatevi costume e asciugamano) o un drink.  Chiuderemo il nostro anello in questo tratto percorrendo gli stessi sentieri realizzati dagli abitanti per raggiungere il cotonificio ubicato a Campione, importante fonte di reddito fino alla prima metà del 1900.

Punto di partenza: Prabione           Dislivello: 700 m

Difficoltà: E Escursionistico

Tempo di percorrenza: 5 ore         Interesse: storico, panoramico, naturalistico

Note varie: pranzo al sacco (lungo il percorso possibilità di fermarsi a punti di ristoro a pagamento)

EQUIPAGGIAMENTO: NORMALE DA ESCURSIONISMO – SCARPONI DA MONTAGNA – GIACCA A VENTO – ZAINO – mascherina – occhiali – gel disinfettante. CONSIGLIATI I BASTONCINI DA TREKKING

RITROVI: BRESCIA PARK CASELLO A4 ORE 7:30 – SALO’ CAFFE’ VALENTINO ORE 8:00

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: 15,00 €

SONO ESCLUSI I COSTI DI TRASPORTO

Clicca qui per vedere la locandina e ulteriori dettagli ->

Visualizzazioni 19
Giu
14
Dom
Corni di canzo
Giu 14 giorno intero

Domenica 14 giugno 2020: i corni di Canzo 1.373 m

Panorama su Lecco e il Resegone

Magnifica escursione, molto adrenalinica nella parte finale, rivolta ad escursionisti esperti nella zona del triangolo lariano. La vista a 360° una volta in vetta fa dimenticare tutta la fatica fatta per arrivarci: si vede Bellagio sulla punta del triangolo lariano, Varenna, le Grigne, Lecco, il Resegone, il monte Barro, il lago d’Annone, il sasso Malaspina, il Cornizzolo. In lontananza, l’immenso monte Rosa. Scopriremo una delle zone di maggiore interesse geologico, geomorfologico e paleontologico della Lombardia. Dichiarato Riserva Naturale parziale geomorfologica e paesistica nel 1985. Il percorso tocca dapprima il suggestivo santuario di S. Miro del 1400 e poi prosegue lungo il sentiero geologico Giorgio

Il rifugio SEV e sullo sfondo, il lago di Como

Achermann, passando poi dal Rifugio Terz’Alpe immerso in maestosi boschi di abeti e faggi sempre circondati da rocce sedimentarie, fra cui troneggiano il rosso ammonitico, e il calcare che hanno favorito la presenza di rilevanti fenomeni carsici di superficie, che qui assumono un aspetto veramente spettacolare. Possibilità di ristoro vicino alla vetta al rifugio SEV.

PUNTO DI PARTENZA: Gajun (Canzo)                          DISLIVELLO: 800 m

DIFFICOLTA’: E (percorso escursionistico)+EE             TEMPO DI PERCORRENZA: 6 ore + le soste

INTERESSE: PANORAMICO, GEOLOGICO, BOTANICO NOTE VARIE:

Due dei tre corni di Canzo

PRANZO AL SACCO

EQUIPAGGIAMENTO: NORMALE DA ESCURSIONISMO, SCARPONI DA MONTAGNA – GIACCA A VENTO – ZAINO – mascherina – occhiali – gel disinfettante. CONSIGLIATI I BASTONCINI DA TREKKING

RITROVO: PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA A4 BS CENTRO ORE 7:30

 Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 31
Giu
21
Dom
Traversata Idro – Monte Paghera – Anfo
Giu 21 giorno intero

Domenica 21 giugno 2020: traversata Idro – Monte Paghera – Anfo

Stupenda e panoramica traversata, con rientro in battello, seguendo il tracciato di cresta delle montagne che sovrastano la sponda occidentale del lago d’Idro. Interessanti gli aspetti geologici e naturalistici di questa fantastica escursione, con le variopinte fioriture che incontreremo lungo il cammino e i numerosi fenomeni d’erosione operati dagli agenti atmosferici sulle calcaree pareti rocciose, che hanno creato torrioni, pinnacoli, gole e creste affilate. Altrettanto interessanti saranno gli aspetti storici, trovandoci in prossimità di resti di trincee e postazioni risalenti alla Prima Guerra Mondiale e ad una delle più famose fortificazioni risalenti al periodo della repubblica Veneta: la Rocca d’Anfo. Partiremo da Idro per questa traversata che segue sentieri poco frequentati, ma affascinanti proprio per il loro aspetto un po’ selvatico e saliremo transitando dal Dosso Sassello e dal Monte Canale, fino a raggiungere il punto più elevato, la cima del Monte Paghera 1.125 m. Gli scorci panoramici sul lago d’Idro, sulle montagne circostanti e, in lontananza, sul Monte Baldo e il lago di Garda, costituiranno una costante della traversata, che si concluderà con la discesa nella valle incisa dal torrente Re. Una volta raggiunto l’abitato di Anfo, dopo un bagno facoltativo nel lago, potremo rientrare al punto di partenza utilizzando il battello, che ci eviterà di percorrere la lunga ciclabile.

 

Punto di partenza: Idro                 Dislivello: 750 m             Difficoltà: E (Escursionistico)

Tempo di percorrenza: 5 ore         Interesse: storico, panoramico, naturalistico

Note varie: pranzo al sacco – ritorno con battello

RITROVI: PARCHEGGIO CASELLO AUTOSTRADA A4 BS CENTRO ORE 7:30

NOZZA DI VESTONE BAR ANGOLO 23 ORE 8:15

 Scarica la locandina in pdf per ulteriori info ->

Visualizzazioni 35